Individuare un modello di tecnologie inclusive da diffondere nei musei italiani, per consentire un abbattimento significativo degli ostacoli percettivi e sensoriali e psico-cognitivi: è questo l’obiettivo del bando denominato “L’arte che accoglie: inclusione nei musei attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative”, lanciato dalla Fondazione TIM e aperto fino al 3 settembre alle proposte di soggetti pubblici e privati, senza fini di lucro…

Link all’articolo originale