Dal 1° gennaio 2018 i datori di lavoro che occupano un numero di dipendenti compreso tra le 15 e le 35 unità
dovranno coprire la quota di riserva, riferita al collocamento obbligatorio delle persone con disabilità. La
modifica alla normativa era stata introdotta con il Jobs Act (Dlgs 151/2015, articolo 3, comma 1) e fa scattare
l’obbligo di assunzione di una persona con disabilità non più nel caso di una nuova assunzione (come avveniva
fino al 31 dicembre 2017) ma contestualmente al raggiungimento della quindicesima unità computabile. …

Link all’articolo originale