di Renato La Cara
«È doveroso sottolineare ancora una volta – scrive Renato La Cara, a proposito delle recenti dichiarazioni del Presidente della Regione Lombardia, dopo le elezioni regionali in Emilia Romagna – l’importanza dell’utilizzo di certe parole, evitando allusioni e frasi infelici. Sarebbe ora di finirla una volta per tutte di “essere mal interpretati”, in particolare sulla pelle delle persone con disabilità»…
LINK http://www.superando.it/2020/02/06/i-male-interpretati-e-il-diritto-di-voto-delle-persone-con-disabilita/

Dall’analisi di Handylex il punto su ciò che la legge di bilancio e il collegato fiscale hanno introdotto in relazione ai cittadini con disabilità
Per capire quali tra le misure introdotte dall’ultima legge di bilancio (legge 27 dicembre 2019, n. 160) e dal “collegato fiscale” (legge 19 dicembre 2019, n. 157) approvati a fine dello scorso anno potranno avere conseguenze dirette sui cittadini con disabilità e le loro famiglie, il sito specializzato Handylex fa una puntuale analisi dei testi, scandagliando tra codici e commi quanto di interessante possiamo trovare.
Qui riassumiamo brevemente alcuni dei punti salienti dell’analisi di Handylex, della quale suggeriamo caldamente la lettura, poiché consente di avere una immagine di insieme completa della materia, esaminando a fondo anche punti che qui non tratteremo…
LINK https://www.disabili.com/legge-e-fisco/articoli-legge-e-fisco/legge-di-bilancio-le-misure-di-interesse-per-la-disabilita

Press-IN 36 Press-IN anno XII / n. 36
Redattore Sociale del 07.01.2020
First ribadisce “l’importanza decisiva degli assistenti all’autonomia e comunicazione”. Due le richieste: definire profilo professionale “unico” e internalizzare i circa 50 mila assistenti, che oggi fanno capo all’ente locale.

ROMA. Sono figure chiave nel percorso d’inclusione scolastica degli studenti con disabilità: eppure, non sono ancora adeguatamente riconosciuti e tutelati. Parliamo degli assistenti per l’autonomia e la comunicazione, un esercito di circa 50 mila persone, altamente formate e qualificate, oggi in attesa di essere formalmente collocati all’interno dell’universo scolastico…

Allegati

 

Roma, 11 dic. (Adnkronos) – Si scusa su Facebook il premier Giuseppe Conte con una cittadina non udente, Enza Frizzi, che su Facebook lamenta di non aver potuto seguire l’intervento nell’Aula della Camera sul Consiglio europeo e sul dibattuto tema della riforma sul Mes, trasmesso in diretta anche sulla pagina Fb del premier. “Buongiorno Conte – scrive la cittadina diretta al presidente del Consiglio – mi piacerebbe tanto sapere che cosa ha detto lei ma purtroppo sono SORDA e non capisco un bel tubo, i SOTTOTITOLI????”…

LINK    https://www.cataniaoggi.it/nazionale/ue-conte-si-scusa-con-non-udente-impegno-per-sottotitoli-sedute-camere_10915

Lo si legge in un appello inviato a tutti i partiti politici che parteciperanno alle prossime Elezioni Regionali dell’Emilia Romagna, in programma per il 26 gennaio del nuovo anno, da parte delle componenti regionali di FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle Persone con Disabilità) e FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap). «In particolare – vi si legge ancora – chiediamo attenzione sui temi dell’istruzione, del lavoro, dell’assistenza sanitaria e sociale, della mobilità e della qualità della vita, dell’inclusione sociale e dei diritti»

LINK  http://www.superando.it/2019/12/05/chiediamo-di-porre-in-primo-piano-i-problemi-delle-persone-con-disabilita/

 

FISH – A seguito degli incontri con il presidente Conte, il movimento delle persone con disabilità e dei loro familiari, chiede un impegno non episodico nella direzione delle politiche e dei servizi inclusivi

In occasione della formazione del Governo e della stesura del relativo programma, il presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte ha voluto incontrare i rappresentanti della FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap. Un segnale unico di comprensione profonda delle indicazioni della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità che prevede non solo il coinvolgimento dei diretti interessati nelle decisioni che li riguardano, ma la considerazione della disabilità in ogni politica che riguardi tutti i cittadini.

LINK  https://personecondisabilita.it/page.asp?menu1=5&notizia=8654

«Riteniamo che dopo anni di attese, l’assessore Palmeri abbia saputo concretizzare e imprimere una svolta
alle politiche attive della nostra Regione in questo àmbito»: è un commento soddisfatto, quello di Daniele
Romano, presidente della FISH Campania, dopo l’incontro con Sonia Palmeri, assessore al Lavoro della
Regione Campania, durante il quale sono state annunciate alcune misure per il lavoro delle persone con
disabilità, che attingeranno anche dal Fondo Regionale per l’Occupazione dei Disabili, alimentato dalle
sanzioni erogate alle aziende che non rispettano gli obblighi normativi..

Link

«Se le politiche inclusive venissero coordinate dalla Presidenza del Consiglio – scrive Salvatore Nocera,
intervenendo nel dibattito aperto dal nostro giornale sulla “scomparsa” nel nuovo Governo di un
Sottosegretario con delega alla disabilità – esse avrebbero una maggiore rilevanza politica e il piano di
azione che ne scaturirebbe impegnerebbe veramente e non solo formalmente tutto il Governo. Penso
infatti che un Sottosegretario presso la Presidenza del Consiglio possa fare molto di più di uno dei tanti
Ministri»…

Link

Secondo molti è un fatto negativo che dal nuovo Governo Conte sia “scomparso” il Sottosegretario con
delega alla disabilità, come avevamo riferito nei giorni scorsi in un nostro articolo; secondo altri, invece,
«toccando la disabilità ogni aspetto della vita quotidiana – come scrive Emanuela Buffa – e comportando
quindi una competenza e una presa in carico trasversale», tale figura coinciderebbe con il «rischio di
autoghettizzarsi». Da parte nostra, non possiamo che auspicare l’avvio di un proficuo dibattito sul tema, e
per questo intendiamo dare spazio a opinioni di segno anche molto diverso…

Link

«Non abbiamo mai considerato utile e inclusivo un Ministero dedicato alla disabilità – scrive Elena
Improta, intervenendo nel dibattito aperto dal nostro giornale sulla “scomparsa” nel nuovo Governo di un
Sottosegretario con delega alla disabilità e rispondendo a un precedente intervento sul tema di Emanuela
Buffa -. Altra cosa, però, sarebbe avere un referente al Governo, quindi un Sottosegretario, un
interlocutore certo che ci potesse rappresentare e avvicinare ad un dialogo autenticamente rivolto ai
bisogni di chi vive una condizione di vita diversa»…

Link