Nella circolare INAIL numero 23 del 21 agosto l’importo rivalutato per il 2019. Vediamo anche come
richiedere l’assegno di incollocabilità

L’INAIL ha reso note le nuove cifre dell’assegno di incollocabilità, che consiste in una prestazione
economica erogata agli invalidi per infortunio o per malattia professionale, che non possano fruire
dell’assunzione obbligatoria.

COS’E’ L’ASSEGNO DI INCOLLOCABILITA’ – L’importo dell’assegno viene pagato mensilmente insieme
alla rendita. Ogni anno l’importo viene rivalutato sulla base della variazione effettiva dei prezzi al
consumo, con apposito decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Dal 1° luglio 2019
l’importo è pari a 262,06 euro…

Link

La proposta è rivolta in particolare a chi in condizione di disabilità certificata, sordità, sindromi autistiche (ad alto funzionamento) e/o disturbi dell’apprendimento abbia interesse a prendere parte a laboratori (e seminari), che si prospettano coinvolgenti, utili ad accrescere le competenze non solo manuali, ma anche relazionali imparando a lavorare in team, abbattendo barriere della conoscenza e della comunicazione; una parte degli incontri sarà con servizio di interpretariato LIS.

Link

Percorso formativo promosso dall’associazione DesignforAllforDesign e rivolto a persone con disabilità certificata in condizione di disoccupazione. Ultimi posti disponibili

Milano – 24/06/2019 – 05/07/2019  via dei Transiti 21

Sono ancora disponibili alcuni posti, in particolare per persone con disabilità certificata in condizione di disoccupazione per il Percorso formativo di design per l’inclusione lavorativa promosso dal team DesignforAllforDesign. Il corso prevede laboratori di design, laboratori della carta e del legno, seminari di imprenditoria, corso di sicurezza sui luoghi di lavoro. Il percorso è rivolto a persone disoccupate, inoccupate o in cerca di una nuova occupazione autonoma. In particolare a persone con disabilità uditive, con difficoltà di apprendimento o rientranti nello spettro autistico (dando priorità ai giovani dai 18 ai 35 anni)….

Link all’articolo originale

Comunicato stampa FISH

Per conoscere appieno le difficoltà di inclusione lavorativa delle persone disabilità è necessario conoscere – non solo ma anche – lo stato in cui versano i meccanismi e le procedure per gli incentivi alle loro assunzioni….

Link all’articolo originale

Come valorizzare le diversità e far sì che tutti, incluse le persone con disabilità, possano mettersi in gioco? Se ne parlerà domani, 4 giugno, a Milano, nel corso di una tavola rotonda coincidente con il lancio del concorso “More Than DIS” (letteralmente “Più che DIS”), iniziativa promossa dalla Fondazione Italiana Accenture, in partnership con Jobmetoo e Make a Cube3, oltreché con il contributo di Auticon e della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap)…

Link all’articolo originale

Merita certamente ampia diffusione, ed è disponibile a tutti, l’e-book intitolato “Le politiche aziendali di Diversity Management”, contenente anche un approfondimento sul Disability Management, ovvero su quella strategia d’impresa utile a coniugare, in modo soddisfacente, le esigenze delle persone con disabilità da inserire – o già inserite – con le necessità delle aziende. A curarlo è stato Veronica Mattana, psicologa del lavoro e referente per la Sardegna dell’ADV (Associazione Disabili Visivi)…

Link all’articolo originale

14 maggio 2019 – ore 9.30/13.00

Caritas Ambrosiana – Via San Bernardino, 4 – Milano

Caritas Ambrosiana organizza un momento di approfondimento sul diritto al lavoro delle persone con disabilità. Il seminario vuole offrire prospettive e sguardi differenti sull’inserimento lavorativo delle persone con disabilità, per promuovere percorsi possibili di corresponsabilità…

Link all’articolo originale

Giovedì 16 maggio (dalle 9:30 alle 13:30) presso Villa di Breme Forno a Cinisello Balsamo (via Martinelli
23) si svolgerà il seminario “Ma va a lavurà” che affronta il tema del lavoro delle persone con disabilità tra miti e leggende, opportunità e diritti, problemi e discriminazioni.

Il seminario è promosso da progetto L-inc. Il progetto L-inc ha il merito di fare emergere i desideri, le preferenze e le mete delle persone con disabilità e di farli divenire gli obiettivi dell’intervento dei servizi di welfare sociale.

A sorpresa, ma non troppo, L-inc ha verificato come il desiderio di lavorare sia molto forte e riguardi anche persone che, in genere, si pensa possano trovare molte difficoltà a essere assunte e a mantenere un posto di lavoro…

Link all’articolo originale

«La Legge 68/99 sul diritto al lavoro delle persone con disabilità – scrive Daniele Regolo – deve certamente restare e tuttavia deve cambiare ed evolversi, guardando anche a modelli come quello anglosassone, che fa leva sulla non discriminazione piuttosto che sull’obbligo. Anche lì, infatti, esiste una serie di norme molto stringenti per evitare che si creino discriminazioni, e tuttavia, un patto tra Governo e Aziende, riassunto nel cosiddetto “Disability Confident”, ha portato risultati inattesi, con un aumento sensibile dell’occupazione delle persone con disabilità»…

Link all’articolo originale

Tirocini inutili e inadeguati al contesto produttivo, tirocinanti abbandonati a se stessi: nel cercare di individuare le ragioni di questa “deriva”, Marino Bottà scrive tra l’altro: «È venuta meno la ricerca mirata del contesto lavorativo, in quanto è più importante attivare un qualsiasi tirocinio, come previsto dal programma, dal progetto, dalla dote ecc. Andrebbe invece riscoperto il valore stesso del tirocinio, dell’accompagnamento al lavoro e dell’inserimento. E chi opera nel campo dell’inclusione lavorativa dovrebbe sentirsi moralmente e professionalmente impegnato nel proprio compito»…

Link all’articolo originale