Ritorna la quarta edizione del progetto di integrazione con ben quattro centri estivi sportivi dove è sempre garantita l’accessibilità a 360 gradi anche per i bambini e i ragazzi sordi.

 

Multisport Camp (22 – 28 luglio): la possibilità di provare fino a 10 sport differenti durante il centro estivo, tra cui arrampicata, mountain bike, tiro con l’arco, tennis, triathlon, thoukball, beach volley e tanti altri ancora.

 

Calcio Camp (1 – 7 luglio): una settimana all’insegna del calcio e non solo, dove si approfondiranno le principali tecniche calcistiche all’insegna del divertimento e dei valori come il rispetto, l’amicizia e il fair play.

 

Basket Camp (1 – 7 luglio): un centro estivo per tutti gli amanti della palla a spicchi con lezioni tecniche di allenatori di varie società sportive e tante sfide e tornei.

 

Volley Camp(22 – 28 luglio): Un centro estivo di specializzazione tecnica di pallavolo con la presenza di allenatori e giocatrici di Serie A1, tra cui Francesca “The Wall” Devetag (Capitano Saugella Team Monza), Fabio Parazzoli (Vice Allenatore Saugella Team Monza) e alcune atlete della Nazionale Volley Femminile Sorde, finaliste Deaflympics 2017.

 

Tutte le attività sportive si svolgeranno nel grande centro sportivo di Pievepelago (MO), posto nella vallata sulle rive del torrente Scoltenna, un territorio ricco di boschi di castagni, faggi e conifere e percorso da numerosi sentieri.

 

Ecco le parole di Ilaria Galbusera, Capitano Nazionale Volley Femminile Sorde: “Sono molto felice di avere la possibilità di partecipare, per la terza volta, a questo progetto in cui credo fortemente. Champions’ Camp è l’unica realtà ad oggi sul territorio italiano che porta avanti questa iniziativa, giunta ormai alla sua quarta edizione, mostrando una grossa sensibilità nei confronti delle persone sorde. Ringrazio Manuela Nironi, la promotrice di questa iniziativa, per avermi fatto conoscere questa realtà e per avermi permesso di vivere esperienze uniche. Non vedo l’ora di ricominciare”

 

Un’esperienza unica che contribuirà in maniera indelebile alla formazione umana e sportiva dei partecipanti.

Link all’articolo originale

La Federazione nazionale Unimpresa Sport e tempo libero è nata con l’intento di promuovere lo Sport in tutti i suoi aspetti educativi, la cultura in tutte le sue manifestazioni creative, il turismo sociale inteso come risorsa e valorizzazione dell’ambiente. In quest’ottica la Federazione, in collaborazione con un gruppo di professionisti, ha creato la I edizione dell’evento “Sport senza barriere”. Un contenitore di tornei nei quali saranno impegnati alla pari sportivi con disabilità e normodotati, declinati in più discipline. Il valore aggiunto dell’iniziativa È proprio questo: far sperimentare da un lato un’esperienza motoria “diversa” a chi non deve quotidianamente sfidare le difficoltà oggettive di una disabilità, e dall’altro permettere ad atleti con disabilità di confrontarsi “alla pari” con altri sportivi. Questo progetto, “Sport senza barriere”, è un chiaro esempio di come si possa creare inclusione attraverso la pratica sportiva, di come si possano superare barriere ideologiche, emotive e psicologiche. Il gruppo di lavoro costituitosi ha al suo interno figure che si occupano ormai da molto tempo di scienze motorie, di medicina dello sport, di comunicazione, di psicologia.

Link al sito

Il Consorzio Unicode – organizzazione non profit che si occupa dell’interscambio dei testi informatici tra lingue diverse – ha approvato l’ultimo elenco per il 2019 degli emoji, le “faccine” colorate che, per esprimere i toni e le emotività, si usano quotidianamente nelle comunicazioni attraverso sistemi operativi, applicazioni e piattaforme web. E tra di esse ve ne sono anche un gruppo dedicato a diverse forme di disabilità. «La via verso l’inclusione sociale e l’autonomia – scrive Simona Petaccia – è ancora impervia e anche questo tipo di comunicazione può aiutare ad agevolare il percorso»

Link all’articolo originale

La metropoli inglese, ma anche l’Abbazia di Canterbury e le celebri “bianche scogliere di Dover”, nel racconto di viaggio di un gruppo della Cooperativa lombarda Concrete ONLUS, specializzata nell’organizzazione di tour assistiti e accessibili in tutto il mondo, per persone con e senza disabilità. E al di là degli edifici monumentali più antichi o delle stazioni della metropolitana del centro storico, il bilancio, in termini di accessibilità, risulta quasi sempre positivo, se è vero che i problemi maggiori sembrano essere arrivati soprattutto dalla maleducazione di certi altri turisti…

Link all’articolo originale 

«Si dovrà cogliere questa occasione, per migliorare l’accessibilità delle città coinvolte e dei mezzi di trasporto locali. Le Paralimpiadi, soprattutto, dovranno rappresentare un’importante opportunità anche per migliorare l’accessibilità degli impianti sportivi, favorendo tutte le persone con disabilità che amano la pratica sportiva». Lo dichiara Alessandro Manfredi, presidente della Federazione lombarda LEDHA (Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità), commentando l’assegnazione a Milano e a Cortina dell’organizzazione per il 2026 delle Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali…

Link all’articolo originale

Percorso formativo promosso dall’associazione DesignforAllforDesign e rivolto a persone con disabilità certificata in condizione di disoccupazione. Ultimi posti disponibili

Milano – 24/06/2019 – 05/07/2019  via dei Transiti 21

Sono ancora disponibili alcuni posti, in particolare per persone con disabilità certificata in condizione di disoccupazione per il Percorso formativo di design per l’inclusione lavorativa promosso dal team DesignforAllforDesign. Il corso prevede laboratori di design, laboratori della carta e del legno, seminari di imprenditoria, corso di sicurezza sui luoghi di lavoro. Il percorso è rivolto a persone disoccupate, inoccupate o in cerca di una nuova occupazione autonoma. In particolare a persone con disabilità uditive, con difficoltà di apprendimento o rientranti nello spettro autistico (dando priorità ai giovani dai 18 ai 35 anni)….

Link all’articolo originale

È questo uno dei messaggi-chiave proposti dall’Associazione milanese L’abilità, nel proprio Spazio Gioco, frequentato da tanti bambini, ognuno con il proprio percorso di vita, le proprie abilità e disabilità, la propria storia, ma tutti accomunati dallo stesso desiderio di sperimentare il piacere del gioco. Dietro ad ogni bimbo, poi, c’è una famiglia, mamme, papà e talvolta anche nonni, come Susanna, che prima della nascita della sua nipotina non sapeva nulla di disabilità, mentre ora ha imparato, tra le altre cose, a giocare con i bambini con disabilità…

Link all’articolo originale

Individuare un modello di tecnologie inclusive da diffondere nei musei italiani, per consentire un abbattimento significativo degli ostacoli percettivi e sensoriali e psico-cognitivi: è questo l’obiettivo del bando denominato “L’arte che accoglie: inclusione nei musei attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative”, lanciato dalla Fondazione TIM e aperto fino al 3 settembre alle proposte di soggetti pubblici e privati, senza fini di lucro…

Link all’articolo originale

Assenza di lavoro, sovraccarico assistenziale per la famiglia, costi sociosanitari: quanto contribuiscono all’impoverimento delle persone con disabilità?

Qualsiasi tema che necessiti di una soluzione ha bisogno di essere studiato e, in primis, rilevato: solo dopo aver compreso la sua entità sarà possibile cercare delle strategie per giungere a soluzioni. Ma se non sappiamo quanto è grande il problema, chi interessa e come è distribuito, come potremo gestirlo? Facciamo questa premessa perché il tema in esame è la povertà, e in particolare la povertà delle persone e delle famiglie con disabilità

Link all’articolo originale

«Gli Esami di Maturità – scrive Salvatore Nocera – sono fonte di ansia per tutti i candidati e lo sono ancor più per gli alunni con disabilità. Per questi ultimi, poi, oltre alla naturale ansia, ci si mette anche la normativa a creare stati ansiosi». E riferendosi alle modifiche al Decreto sull’inclusione scolastica, si augura che esse «non entrino in vigore col prossimo anno scolastico, perché quando si cambia, è buona cosa che le norme vengano ben comprese e assimilate e poi applicate. Altrimenti si corre il rischio di creare il caos, che è proprio ciò che le norme dovrebbero evitare»…

Link all’articolo originale